mercoledì 21 marzo 2012

CD italiano di Ubuntu, buttiamoci nella mischia! :-)

Come ampiamente riportato da tutte le maggiori testate specialistiche nazionali (!), la Comunità Italiana di Ubuntu si fregia di un nuovo progetto. A partire dal prossimo rilascio di Ubuntu 12.04 "Precise Pangolin" sarà disponibile la versione italiana di Ubuntu. Sarà la prima versione nazionalizzata a cura di una Comunità, e seconda solo alla versione cinese di Ubuntu, disponibile dal 2011.

Numerose le personalizzazioni, pensate per soddisfare il fine palato degli ubunteri italiani, tra cui:
  • tutte le traduzioni in lingua italiana (ovvio!)
  • un elenco personalizzato delle radio Internet su Rhythmbox
  • una serie di utili bookmark su Firefox
  • integrazione di  MyUnity nelle Impostazioni di Sistema
  • ... e molto altro in fase di preparazione

Anche a 64 bit

Tutto questo sarà disponibile sia nella versione "normale" a 32 bit, detta i386, e utilizzabile da tutti i computer, e anche nella versione "64 bit", detta amd64. Quest'ultima anche anche grazie al contributo del sottoscritto, nominato in corsa release manager dal mai domo Paolo "Xdatap1" Sammicheli.

La versione a 64 bit è ottimizzata per microprocessori a 64 bit (per ulteriori spiegazioni, date un'occhiata al link di cui sotto). È quindi utilizzabile solo da computer dotati di processori (sia AMD che Intel) recenti, orientativamente dal Pentium 4 di Intel o dal AMD Athlon 64 in poi. (In ogni caso, se il proprio computer non è compatibile con questa versione, non si riuscirà neanche a installarla!)

I vantaggi della versione Ubuntu a 64 bit risiede nello sfruttare meglio il processore e nel poter usare più di 3 GB di memoria RAM - limite massimo della versione a 32 bit. I computer recenti traggono quindi molti vantaggi in termini di prestazioni da questa tecnologia, per cui


Chi vuole dare una mano? ;-)

La Comunità Italiana è la prima che intraprende questa strada, sicuramente altre comunità in tutto il mondo seguiranno il nostro esempio, una volta che noi avremo battuto la strada. Questo è il momento buono per dare una mano! Come? Facendo qualche piccolo test sulle versioni di test che man mano sono rilasciate. Come spiegato bene nel post di Paolo (vedi i link sotto), i test sono semplicissimi, richiedono nessuna specifica competenza tecnica, ma solo un po' del proprio tempo libero.

Quindi: non aspettate un minuto, buttatevi nella mischia: il divertimento è assicurato! :-)


Link:

Post di Paolo sul CD Italiano (leggete qui come aiutare nei test!) 
La pagina sul wiki del CD italiano
Come partecipare ai test  (... oppure leggete qui come aiutare nei test!) 
La sezione del Forum dedicata al CD italiano
Architettura a 64 bit
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...