domenica 20 luglio 2014

La XPocalypse di Windows XP ha inizio: ecco "Zombie Zero", il primo virus


A poco più di 100 giorni dalla fine del supporto ufficiale, cominciano a manifestarsi i primi virus fatti su misura per attaccare Windows XP, come era ampiamente previsto.

Windows XP, nonostante la fine del supporto, è ancora uno dei sistemi operativi più usati al mondo (+25% dei PC desktop!), e quindi - grazie al fatto che i problemi di sicurezza non sono più risolti - preda molto appetibile di cracker e criminali.

Attacco dall'interno

Secondo TrapX, azienda specializzata nella sicurezza informatica, alcuni scanner manuali (quelli per codice a barre usati per esempio in tutti i supermercati) di provenienza cinese, che usano Windows XP "embedded", sono stati infettati con un malware chiamato "Zombie Zero" che sfrutta un problema di sicurezza di Windows XP.

Quando questi scanner sono collegati alla rete wi fi aziendale, prima attaccano i server aziendali e poi inviano dati raccolti dallo scanner (origine del bene, destinazione, contenuto, valore...) a server infettati di una botnet cinese. Infine, scaricano dalla botnet ulteriore malware, che va a infettare i server aziendali già compromessi.

L'attacco è abbastanza complesso - chi vuole sapere tutti i dettagli si legga la notizia sul sito di TrapX, oppure l'articolo su Forbes.com - ma questa prima scoperta conferma i timori espressi tempo fa: le aziende neanche si rendono conto di cosa sta succedendo.

Questo tipo di attacco poi è molto pericoloso per almeno 2 motivi:
  1. il malware arriva già con i dispositivi, una specie di cavallo di Troia che l'azienda compra fidandosi del fornitore
  2. colpisce dall'interno della rete aziendale, e supera così tutti i firewall messi a difesa della rete dall'esterno
La cosa divertente di tutto questo è che solo una volta che ci si è scottati con questi problemi, ci si rende conto che il Software Libero da' delle risposte affidabili ai problemi di sicurezza. Tutto il resto è marketing.

Salvarsi si può

Anche se ci sono esempi virtuosi, anche nella PA (vedi sotto!), moltissimi ancora usano Windows XP. Le alternative per il desktop esistono, come per esempio Xubuntu XPocalipse Remix 12.04: facile, veloce, sicuro e completamente in italiano. Che aspettate? :-)

Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...