venerdì 2 gennaio 2015

Quanti utenti GNU/Linux servono per cambiare una lampadina?


Qualche giorno fa, +Aladino A. Amantini ha postato su Google Plus una storiella simpatica apparsa sul sito della Free Software Foundation. L'ho tradotta in italiano, e spero sia tradotta in tutte le lingue del mondo, per il bene di tutta l'Umanità :-)

Quanti utenti GNU/Linux servono per cambiare una lampadina?

  • 1 per iniziare una conversazione in una mailing list, scrivendo che la lampadina è bruciata
  • 1 per consigliare di provare ad accendere la lampadina da riga di comando
  • 1 per per lamentarsi che l'utente ha interrotto la conversazione
  • 1 per chiedere quale nuova lampadina installare
  • 1 per suggerire che si dovrebbe evitare la parola "bruciata" per riferirsi a una lampadina rotta, sennò si capisce che la lampadina è stata incendiata, e quindi sarebbe giusto dire che la lampadina si è "rotta a causa di un eccesso di corrente elettrica"
  • 25 per suggerire di installare tutti i tipi di possibili e immaginabili lampadine
  • 5 per dire che la lampadina bruciata è un problema upstream che non è di competenza della distro - c'è un errore da risolvere nella mailing list degli sviluppatori della lampadina
  • 1 novellino per suggerire di installare una lampadina Microsoft
  • 250 per bombardare l'indirizzo email del novellino
  • 300 per dire che una lampadina Microsoft diventerebbe blu e che dovresti spegnerla e riaccenderla continuamente perché torni normale
  • 1 ex-utente GNU/Linux che ancora frequenta il forum, che suggerisce di installare una iLampadina Apple, che ha un design nuovo e innovativo e costa 250 €
  • 20 per dire che iLampadina non è libera, e che ha meno funzioni di una normale lampadina che costa 20 volte meno
  • 15 per suggerire di installare una lampadina nazionale
  • 30 per dire che le lampadine nazionali sono delle imitazioni malriuscite delle lampadine estere e che non sono niente di nuovo
  • 23 per discutere se la lampadina deve essere bianca o trasparente
  • 1 per ricordare a tutti che il nome corretto è GNU/Lampadina
  • 1 per dire che le lampadine sono un problema solo degli utenti Windows perché i veri utenti di GNU/Linux non temono l'oscurità
  • 1 per annunciare infine quale sarà il modello della lampadina installata
  • 217 per scartare quel modello e suggerirne un altro
  • 6 per lagnarsi che il modello scelto ha elementi proprietari e che quindi bisogna usarne un altro
  • 20 per dire che una lampadina libera al 100% è incompatibile con l'attacco
  • gli stessi 6 precedenti, per suggerire di cambiare l'attacco con uno compatibile
  • 1 per urlare: "BASTA DISCUTERE, QUALCUNO CAMBI LA LAMPADINA PER L'AMORDIDDIO"
  • 350 per chiedere al precedente utente di quale Dio sta parlando, e se ha prove della Sua esistenza
  • 1 per spiegare come funziona l'elettricità e perché una lampadina è inefficiente
  • 1 per dire che non possiamo fidarci nelle lampadine delle multinazionali e dobbiamo credere nelle lampadine create dalla comunità
  • 1 per postare un link a un file ODF che spiega come costruirsi una lampadina da zero
  • 14 per lamentarsi del formato del file precedente, chiedendo di mandarlo in txt o LaTex
  • 5 per dire che sono insoddisfatti della decisione e faranno un fork dell'installazione di casa, per installare una lampadina migliore
  • 1 per postare una serie di comandi per cambiare la lampadina
  • 1 per commentare che ha eseguito quei comandi ricevendo un messaggio di errore
  • 1 per consigliare di eseguire quei comandi come root
E alla fine:

Il padre del primo utente, mentre tutti stavano discutendo, è andato al negozio acquistando la lampadina più economica.

Disclaimer

La storiella di questa pagina è stato spedito alla Free Software Foundation dal suo autore Andre Machado. La Free Software Foundation non ha nessun diritto su questo scherzo (e neanche il suo traduttore). 

(foto "exploding bulb 2" di Rafal Kiermacz su Flickr)
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...