mercoledì 7 luglio 2010

Mandriva in difficoltà, e rimanda il rilascio di 2010.1

Il logo di Mandriva

Mandriva, una delle "storiche" distribuzioni Linux, famosa per la sua facilità di installazione e utilizzo, sta vivendo un periodo tormentato. Riepilogo rapidamente.

(Triste) storia recente
 
Circa 6 mesi fa la società che cura lo sviluppo della distribuzione, che si chiama Mandriva SA, era in cerca di nuovi finanziatori, senza i quali avrebbe dovuto chiudere bottega.
Il 12 maggio 2010, l'amministratore delegato di Mandriva SA, Arnaud Laprévote, a fronte delle numerose voci che davano la società in fallimento, si sentiva in dovere di rassicurare la comunità sul futuro della distribuzione, direttamente dal Blog di Mandriva.
Il 18 giugno 2010, la Comunità Francese (insieme ad altre) di Mandriva indirizzava una lettera aperta a Mandriva SA, in cui chiedeva un riscontro alle rassicurazioni del suo amministratore
Il  22 giugno 2010, il CEO Arnaud Laprévote annunciava:
"L'azienda ha trovato investitori che hanno deciso di investire nella società, per riportare il gruppo a trovare un equilibrio e buon modello di business. Le preoccupazioni della comunità e degli utenti non hanno più bisogno di essere."
Invece qualche problema deve ancora esserci A parziale conferma, il rinvio del rilascio della versione 2010.1, atteso per giugno e che (alla data in cui scrivo) è stato invece fissato per l'8 luglio.

(Meno triste) storia ancestrale

Mandriva è stata una delle prima distribuzioni che ho usato, si parla di circa 10 anni fa. Al tempo si chiamava Mandrake, è diventata Mandriva nel 2005 dopo la fusione Conectiva, distribuzione brasiliana, anche per metter fine al contenzioso che la vedeva contrapposta al famoso fumetto omonimo.

 
Mandrake, il mago

Mandrake, la distribuzione

Quando era nata nel 1998, era una derivata di Red Hat Linux, a cui aggiungeva KDE e qualche programma suo, tra cui il famoso pannello di controllo. Poi con il tempo, assunse vita propria, discostandosi sempre più dall'illustre genitore.

Mi piaceva perché era facile da installare, aveva un buon riconoscimento dell'hardware ed era molto facile per chi (come il sottoscritto) arrivava da un altro sistema operativo. Poi, mi giunse all'orecchio la storia di un milionario folle che aveva fatto una distribuzione basata su Debian, ma facile da usare.

Mi spiace sapere delle attuali difficoltà, spero che Mandriva SA trovi un modello di business che consenta loro di continuare a sviluppare e supportare la distribuzione. Purtroppo, la quota di mercato di Linux è ancora irrisoria, e la crescita, pur costante nel tempo, è lenta. Forse troppo lenta per supportare gli investimenti fatti finora.


Link:

Articolo su "Linux Journal" sulle difficoltà di Mandriva (in inglese)
Lettera aperta del CEO di Mandriva (dal blog di Mandriva - in francese)
Lettera aperta delle Comunità Mandriva a Mandriva SA (dal sito della Comunità Francese - in francese)
Articolo sul salvataggio di Mandriva (da LeMagIT.fr - in francese)
(Ultima) notizia del rinvio del rilascio di Mandriva 2010.1
Mandriva su Wikipedia
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...