mercoledì 12 gennaio 2011

Bansky sul disastro ambientale nel Golfo del Messico della BP

fonte: http://www.banksy.co.uk

Bansky, il fantomatico e corrosivo artista di strada inglese, ha sintetizzato a suo modo il disastro ambientale nel Golfo del Messico, causato dall'avaria della piattaforma petrolifera "Deepwater Horizon", di proprietà BP. Il disastro iniziò il 20 aprile 2010 e terminò dopo quasi 4 mesi, il 4 agosto 2010, riversando milioni di barili di petrolio nelle acque del Golfo del Messico, "con milioni di barili di petrolio che ancora galleggiano sulle acque di fronte a Luisiana, Mississippi, Alabama e Florida, oltre alla frazione più pesante del petrolio che ha formato ammassi chilometrici sul fondale marino. (fonte: wikipedia.org)".

L'opera di Bansky è un kiddy ride, cioè una giostrina per bambini, quelle che si trovano nei supermercati di tutto il mondo, (tanto adorate dai bambini, quanto odiate dai genitori!). Rappresenta un delfino intrappolato nelle reti anti petrolio, che salta un barile galleggiante, in un mare nero.



L'opera si trova a Brighton, in Gran Bretagna, vicino al "Brighton Pier", un'enorme banchina e parco divertimenti d'inizio '900 che ospita moltissime sale giochi, attrazioni da luna park e pub.

Bansky si dimostra sempre attento (a modo suo, ovvio) alle tematiche ambientali, come altre sue opere (qui sotto un paio).

fonte: http://www.banksy.co.uk

Fonte: http://www.treehugger.com


Link:

Bansky su Wikipedia
Il disastro ambientale su Wikipedia
Mio precedente post sul disastro ambientale
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...