domenica 5 giugno 2011

Ubuntu-it Meeting a Roma: qualche appunto

Lo scorso week end si è tenuto a Roma, presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università "La Sapienza", il consueto e "quasi" annuale Ubuntu-it Meeting. Il meeting è il ritrovo annuale di tutti gli ubunteri italofoni, aperto però anche a tutti quelli che vogliono conoscere la Comunità Italiana Ubuntu.

Come ormai è tradizione, era presente anche il sottoscritto, con famiglia al seguito. Questo è un breve resoconto di com'è andata...

Venerdì 28 Maggio: Zanè - Roma

Al venerdì pranzo frugale e poi giù per l'infinito budello autostradale verso Roma. A4... A13... A1... La strada non finiva più! 600 kilometri sono davvero un bel po' di strada. La radio perennemente sintonizzata su Isoradio, in attesa del peggio. Che non succede. Solo a Firenze, le solite code per traffico intenso, dopo via lisci fino a Roma.

Venerdì 28 Maggio - Roma - (da qualche parte sul) G.R.A.

Primo problema del weekend: il Grande Raccordo Anulare (GRA), se sbagli uscita bisogna fare un bel giro per tornare indietro.
Ho sbagliato uscita.
Ho fatto un bel giro per tornare indietro.
La prossima volta devo avere un navigatore satellitare (lesson learned!)

Venerdì 28 Maggio - Roma - via Monte Fumaiolo

Alla fine raggiungiamo l'appartamento in via Monte Fumaiolo. Purtroppo abbiamo perso un sacco di tempo sul GRA, e siamo in ritardissimo. Chiamo Luca e Flavia per avvisarli che non saremmo andati a cena con loro :-(
L'appartamento è piccolo ma carino, parquet dappertutto, una grande sala con angolo cucina, dà un'idea di intimità raccolta. Le bambine ne sono entusiaste e si rotolano per terra. Meglio così, domenica impiegheremo meno tempo nelle pulizie finali.

Sabato 29 Maggio - (persi per) Roma

L'appuntamento in facoltà è per le 9, quindi ci alziamo presto e facciamo colazione velocemente. Poi in auto, con l'aiuto di una cartina ci dirigiamo verso il centro di Roma. Per la fretta, dimentico il cellulare in appartamento, attaccato al caricabatteria. In più a metà percorso, troviamo dei lavori in corso sulla Tiburtina, che ci fanno perdere la strada.
Un navigatore satellitare!
Un navigatore satellitare!
Il mio regno per un navigatore satellitare!
Con qualche difficoltà riusciamo comunque ad arrivare all'Università. La sede della Facoltà di Ingegneria è all'ombra del Colosseo (e non per modo di dire!), a pochi metri dalla Basilica di San Pietro in Vincoli.

Sabato 29 Maggio - Roma, Facoltà di Ingegneria

Arriviamo che Paolo ha già iniziato il resoconto dell'UDS di Budapest. Come sempre, ci sono un sacco di novità, e tantissimo "lavoro" per le persone di buona volontà, e altrettanto tempo libero.


La parola passa poi al Prof. Renzo Davoli, dell'Università di Bologna, che tiene il suo talk "Viva Galileo! Software libero per la ricerca e la didattica". Peccato gli studenti presenti siano pochini (e nessun professore!), e peccato non si sia pensato di riprendere l'intervento. Sarebbe stato molto bello rivederlo, e avrebbe avuto molti più spettatori!

Ci sono poi gli interventi di LS Lug, il LUG che ci ospita, e di Flavia Weisghizzi su Ubuntu Women.

Nelle pause dei talk, conosco Paolo Rotolo (le foto di questo post sono tratte dal suo account su flickr), sicuramente il più giovane membro di ubuntu-it. Un ragazzo davvero in gamba!

 
La pausa pranzo è una delle cose più belle della giornata: pranzo frugale in facoltà con pizza da asporto, crocchette di patate e di riso, acqua in bottiglia, e... una TONNELLATA di cioccolata da Perugia, portata in dono da Marco Buono (inneggiato "santo subito" dalla folla festante). Le mie bambine mangiano poco, ma fanno diversi giri attorno al cesto della cioccolata! :-)

Faccio anche conoscenza con Alessio "dottorblaster" Biancalana, di cui seguo il blog da tempo. Fa sempre strano conoscere una persona prima su internet e poi dal vivo.

Dopo pranzo, un bel intervento di Fabio Marconi e subito dopo il mio talk sulle "Lesson learned dopo Ubuntu Party a Schio". Il talk non va malaccio, a parte quando inciampo nel bidone della spazzatura rimasto lì dopo aver raccolto i cartoni della pizza.

Alla fine, tiro fuori il colpo ad effetto: un video segreto dimostrativo dei programmi in basic di Ivana Sacchi tradotti in GAMBAS (=il Basic Libero) da Fabio "pixel" Colinelli, in collaborazione con Mauro Baldrani. Mauro e Fabio si sono conosciuti proprio all'Ubuntu Party di Schio, e questo è uno dei successi dell'Ubuntu Party.

Ivana Sacchi è molto famosa nell'ambito del software didattico, avendo realizzato una serie di programmi in basic per la scuola. Finora questi programmi erano disponibili solo per il sistema operativo proprietario, ma le cose sono destinate a cambiare.

L'altra lezione imparata a Schio è stato riprendere i talk e pubblicarne i video su Internet. In meno di un mese i video hanno raccolto più di 800 visualizzazioni, più delle persone che hanno partecipato fisicamente all'Ubuntu Party. Dopo il primo, c'è stato un secondo Ubuntu Party, virtuale e sul web. Il tutto con: un paio di videocamere amatoriali, pochi euro per le cassette DV, e qualche account su Vimeo.


Ubuntu Party a Schio (VI): talk degli Ubuntu Members sulle novità di Ubuntu 11.04 (30 Aprile 2011) from Dario Cavedon on Vimeo.

Non so quante persone abbiano seguito il mio talk, il pranzo stava ancora galleggiando nei remoti anfratti dello stomaco dei presenti.


Un altro bel talk delle giornata è quello presentato da Luca Ferretti e Lapo Calamandrei. Se il primo è ormai conosciuto come l'anello di congiunzione tra GNOME e Ubuntu, il secondo fa parte del Design Team di GNOME e ha seguito lo sviluppo di GNOME3 e della sua tanto discussa "shell". Il talk è davvero interessante, e fa capire ai presenti quanta poca distanza ci sia tra le persone che seguono i due progetti. Al di là, ovviamente delle artificiose polemiche messe in atto dalla stampa specializzate, che ricordano l'antagonismo (inesistente) creato tra Beatles & Rolling Stones! ;-)

Ma intanto si è fatto tardi. Le bimbe sono un po' stanche e cominciano a dare segni di nervosismo. Decido di fare un salto all'appartamento per farle riposare un po', restando d'accordo con Flavia e gli altri che ci saremmo visti per cena.

Purtroppo, tornando in auto, succede un l'ultimo guaio, quello che ci rovina la serata: un supporto del piantone dello sterzo cede e mi trovo a guidare con il volante tra le gambe. Per carità lo sterzo ancora funziona, se giro il volante a destra l'auto va a destra e se giro a sinistra va a sinistra, ma la guida non è proprio agevole. In più ho paura che da un momento all'altro l'auto mi lasci a piedi.

Per non rischiare di restare a piedi a Roma, saltiamo la cena conviviale. La mattina dopo, partiamo prestissimo, senza nemmeno fare colazione, e ci avviamo lentamente verso casa.

Bilancio di fine Meeting

Il week end lascia un sapore dolceamaro in bocca. Purtroppo, abbiamo dovuto saltare molta parte delle attività enogastronomiche del Meeting, che sono le migliori, quelle in cui ci si impara a conoscere e aprezzare. Senza dimenticare il piacere di un tozzo di pane sotto i denti.

Flavia, Luca, Silvia, e tutti gli altri: vi ringraziamo 1.000 volte dell'ospitalità e l'accoglienza, e ci rivediamo, presto! :-)

Link:

Le foto del meeting fatte da Paolo
Le foto del meeting fatte da Totò
Tutti i video di Ubuntu Party a Schio
Il blog di dottorblaster
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...