sabato 4 luglio 2015

Ubuntu Phone: recensione di BQ Aquaris E5 HD Ubuntu Edition


Introduzione


A pochi mesi dal lancio sul mercato di BQ Aquaris E4.5, il primo Ubuntu Phone al mondo, arriva l’inatteso BQ Aquaris E5 HD Ubuntu Edition, il secondo ubuntufonino di BQ. Aquaris E5 non era previsto nei piani iniziali di Ubuntu Phone, ma è stato fortemente voluto da BQ, a dimostrazione di quanto la giovane e dinamica azienda spagnola creda nel progetto Ubuntu Phone. Da ricordare che BQ sta anche collaborando con Canonical nella progettazione e realizzazione del primo smartphone “convergente”, il dispositivo che riunirà la mobilità di un telefonino con la comodità di un PC desktop, e che vedrà la luce entro la fine di quest’anno.


La confezione


Aquaris E5 HD Ubuntu Edition arriva in una confezione di cartone riciclato, con la parte superiore di colore blu scuro. Le scritte sulla scatola sono in arancione ubuntu, a sottolinearne la diversità dal modello venduto con Android, e donano una certa elaganza.
All’interno troviamo il telefono, completo di alimentatore e cavo usb, tenuti in vani separati. Completano la dotazione la garanzia internazionale, un pieghevole di presentazione del sistema Ubuntu Phone e un po’ di pubblicità sugli accessori originali BQ. Mancano purtroppo le cuffiette.

Nel complesso, una confezione solida ed essenziale, ma allo stesso tempo elegante e carina.


Design ed ergonomia


Aquaris E5 è costruito in un’unica scocca, dalla forma regolare, che non permette di accedere alla batteria, quindi per sostituirla ci si deve rivolgere a un centro di assistenza. Questa scelta permette un design abbastanza sottile e allo stesso tempo solido. Sul bordo, sulla parte destra in alto si trovano pulsante di accensione e la regolazione del volume, in alto il vano per l’espansione della memoria con scheda microSD (massimo 32 GB), sul lato sinistro i vani per le due sim, e infine sul bordo inferiore altoparlante e microfono.
Il bordo inferiore del display è forse un po’ troppo spesso, ma questo è dovuto alla “derivazione androidiana” del telefono, che riservava quello spazio ai pulsanti, mentre Ubuntu Phone non ne prevede.
Sul retro del telefono, sulla parte superiore ci sono fotocamera da 13 MP con doppio led-flash. Sempre in alto, si nota il curioso puntino, che avevo scambiato per sporco ma che in realtà è un filtro anti rumore. Sulla parte bassa la scritta “Aquaris E5 Ubuntu Edition”

In mano, il telefono si impugna perfettamente, grazie alla plastica piacevolmente porosa. Le dimensioni permettono di usare il telefono anche con una sola mano, ma questo dipende anche dalle... dimensioni della mano! ;-)

Nel complesso il telefono è solido e funzionale, ben assemblato, dal design semplice senza essere banale.

Caratteristiche tecniche


Aquaris E5 presenta caratteristiche simili ad altri dispositivi sul mercato:
  • display da 5'' IPS (1280 x 720 pixel, 294 ppi)
  • SoC MediaTek MT6582 con CPU ARM Cortex A7 quad-core a 1,3 Ghz
  • GPU Mali 450 MP2
  • fotocamera da 13 MP e 5 MP
  • 1 GB RAM
  • dual sim
  • memoria da 16 GB eMMC espandibile via microSD (massimo 32 GB)
  • batteria da 2500 mAh
  • peso 134 gr.

Il processore permette delle buone prestazioni al sistema, anche se qualche volta si sente la mancanza di un po’ più di memoria. Di positivo la presenza della doppia sim, e la possibilità di espandere la memoria con schede microSD. Manca purtroppo il supporto alla rete mobile di nuova generazione LTE (4G).

Tutto sommato comunque si tratta di un buon compromesso prezzo-prestazioni.

Lo schermo


L’Aquaris E5 HD monta un LCD IPS HD (1280 x 720 pixel) da 5 pollici, molto luminoso. Il bianco è buono e neutro, il nero abbastanza buono, i colori sono molto equilibrati. La leggibilità è buona anche sotto il sole.

Le dimensioni sono giuste per digitare sulla tastiera sullo schermo senza sbagliare lettera, specie per chi ha le dita grosse (come il sottoscritto).

Ubuntu Phone



Il tratto distintivo di questo telefono è sicuramente il sistema Ubuntu Phone. Ubuntu Phone è il nuovo sistema per smartphone realizzato da Canonical - con un grosso contributo della Comunità internazionale - che vuole portare una nuova esperienza utente.
Su Ubuntu Phone i pulsanti sono del tutto assenti, il controllo del sistema avviene solo tramite “gestures” sui quattro lati dello schermo:

  • lo swipe dall’alto permette di accedere alle impostazioni e alle notifiche
  • lo swipe dal bordo sinistro rivela il “launcher” una pratica barra dove sono presenti le principali app
  • lo swipe breve dal bordo destro permette di passare alternativamente tra le ultime 2 app aperte; lo swipe lungo rivela tutte le app aperte 
  • lo swipe dal bordo inferiore invece varia a seconda del pannello, ma in genere permette di accedere alle opzioni dell’app o scope visualizzato.

Tutti questi movimenti possono spaventare i novizi, ma un pratico tutorial presentato alla prima accensione dell’Aquaris E5 permette di imparare come muoversi tra all’interno del sistema.


Altro tratto distintivo di Ubuntu Phone sono i pannelli, detti “Scopes”, che raggruppano informazioni provenienti da fonti diverse, presenti sia nella memoria del telefonino (come i propri foto e video) oppure reperite su Internet (foto dal profilo Instagram, Flickr, video da Youtube e Vimeo). Ma gli scope reperiscono informazioni utili al momento come le previsioni del tempo, le notizie più importanti del giorno, le ultime chiamate, gli ultimi messaggi.

Di Ubuntu Phone ho parlato ampliamente nei post passati, quindi rimando a quelli un approfondimento (vedi la pagina dedicata sul mio blog).

Tra le “app indispensabili” da segnalare la mancanza Whatsapp (c’è Telegram che svolge egregiamente il suo lavoro): chi la ritiene indispensabile dovrà aspettarne l’arrivo.

Ubuntu Phone gira bene su Aquaris E5, fluido e reattivo. La novità delle gestures e dell’assenza di pulsanti richiede un po’ di pratica, ma le gestures sono così pratiche che, una volta abituati, vi ritroverete a farle anche su un sistema Android.

Il sistema ha ancora qualche difetto qua e là, ad esempio le app sono lente ad avviarsi, lo sviluppo procede rapidamente, al ritmo di un aggiornamento al mese, e speriamo in una veloce ottimizzazione del dispositivo.

La fotocamera

Foto fatta con Aquaris E5 HD Ubuntu Edition

Aquaris E5 HD è dotato di una doppia fotocamera frontale da 5 MP ed esterna da 13 MP con doppio flash led. La fotocamera posteriore offre delle buone foto contrastate e con colori fedeli e vivaci. La fotocamera anteriore permette di scattare dei buoni “selfie” (serve ad altro? :-) ).

Originale e pratica la possibilità di passare dalla fotocamera alla galleria delle immagini con uno swipe da destra.

Il telefono


La parte “telefonica” di questo telefono è nella media: buona qualità dell’audio sia normale, che in vivavoce, che in cuffia. Anche la musica si sente bene, senza distorsioni.
La gestione dei messaggi e della rubrica è facile e ha alcune animazioni che introducono le possibilità di interazione.

Navigazione


Il browser nativo è sviluppato da Canonical, partendo da Chrome. Questo browser è anche la “base” su cui girano le “web app”, e ha una ottima fedeltà agli standard più recenti, ottenendo punteggi molto alti nei test HTML5.
Anche per questa app ci sono alcune gesture particolari (ad esempio uno swipe dal basso apre tutte le schede attive, e permette di crearne una nuova), che richiedono un po’ di pratica.
La velocità del browser è buona, come anche le rese delle pagine web.

Batteria


La batteria di 2500 mAh – assieme alla gestione della stessa da parte del sistema - garantisce una autonomia notevole, inusitata per uno smartphone: un uso medio permette un’autonomia di 2-3 giorni.

Conclusioni


Aquaris E5 HD Ubuntu Edition rappresenta il compromesso nel panorama degli Ubuntu Phone disponibili sul mercato, collocandosi tra il fratellino Aquaris E4.5 e il “mostro” Meizu MX4. Pur costando poco di più (199 € contro 169 €), E5 rispetto a E4.5 offre un display più grande, una fotocamera migliore e una batteria di maggiore durata. E5 costa anche 100 € meno di MX4, però quest’ultimo ha più memoria, display ancora più grande, migliore fotocamera e batteria ancora più potente.

Ubuntu Phone è un sistema in rapida evoluzione, le buone cose viste finora sono solo un accenno di quello che sarà il sistema quando le funzioni e le innovazioni raggiungeranno la maturità.

Come scritto altrove, Ubuntu Phone è un telefono riservato a pionieri e innovatori. Se quindi rientrate in queste categorie, ma dovete fare i conti con il bilancio personale, comprate Aquaris E5 HD.

Ringrazio BQ per avere reso disponibile l’Aquaris E5 HD Ubuntu Edition oggetto di questa prova.
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...