domenica 9 agosto 2009

Springsteen Bruce: dove sei?

IMAIE "Istituto per la tutela dei diritti degli artisti interpreti esecutori", è (oppure era) l'ente deputato a riscuotere per conto degli artisti i proventi dei diritti degli artisti stessi, interpreti o esecutori. Per chiarire meglio, l'istituto è (era) deputato alla riscossione dei diritti della "copia privata", cioè la tassa che si paga quando si acquista una cassetta vergine, tassa pagata nella certezza assoluta che la cassetta si usi per duplicare un'originale coperto da diritti d'autore.
Dopo 20 anni di attività, questo istituto si ritrova tra le mani 118 milioni di euro, quasi un Superenalotto, incassati in nome e per conto degli artisti. E' difficile capire di preciso quali attività abbia svolto in tutti questi anni, se ancora nelle sue casse ci sono così tanti soldi.

Andando a spulciare sul loro sito si trovano delle cose un po' bizzarre.

La prima cosa: dal loro sito web lanciano un appello (disperato): stanno cercando artisti sconosciuti ai più come tale Aguilera Cristina, chi l'ha mai sentita?, o gruppi dai nomi ridicoli come Aerosmith, Africa Bambaataa, A-Ha. Capisco come deve essere stato impossibile trovarli!

La seconda cosa: non si riesce ad accedere alla lista degli artisti "ricercati" con nomi che iniziano con le altre lettere dell'alfabeto, dopo la "A". Spulciando su internet, si vede che l'attuale è una pagina HTML, mentre prima esisteva una pagina dinamica ASP, con tanto di ricerca. La pagina non è più accessibile direttamente dal sito, ma con il link (qui sotto) al momento in cui scrivo, ci si può ancora accedere. In questa pagina, si possono trovare altri artisti sconosciuti ai più, che solo il mio raffinato gusto della musica ricercata mi permette di conoscere, come Springsteen Bruce, Jackson Micheal, Sinatra Frank, Ciccone Louise Veronica e Stewart * (gli "Stewart" sono davvero tanti, neanche io li conosco tutti!). Trovo anche un tale "Stills Crosby"! Che casualità: questo qui come nome ha il nome di uno dei componenti del famoso gruppo "Stills Crosby Nash & Young"!

La terza cosa strana: il funzionamento dell'istituto, se leggete l'ottimo articolo di Guido Scorza su Punto Informatico (link qui sotto, per chi vuole approfondire) capirete perché adesso l'IMAIE è giunta al termine dei suoi giorni. La conferma della chiusura dell'ente è arrivata dal Consiglio di Stato il 16 Luglio scorso, dopo che il prefetto di Roma ne aveva disposta la chiusura perché "incapace di raggiungere gli scopi statutari".


Link:

Articolo di Guido Scorza su "Punto Informatico"
Pagina HTML di "Ricerca degli artisti" (versione attuale della ricerca)
Pagina ASP di "Ricerca degli artisti" (versione precedente della ricerca, ancora attiva)
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...