domenica 21 febbraio 2010

False friend: quando il consulente diventa anche il tuo amico intimo

I "false friend", sono i termini inglesi che hanno una parola molto simile in italiano, ma significato completamente diverso.
Per esempio, il banale "cold", che in italiano non vuol dire "caldo", ma invece "freddo".
Oppure l'informatico "library" che per naturale trasmutazione (non certo per traduzione!) lo ha fatto diventare "libreria", quando invece si traduce con "biblioteca".

Beh, i "false friend" son proprio una brutta bestia.

Prendiamo un consulente importante e pagato sicuramente peso d'oro, della più cara società di consulenza. Questo personaggio ha trasformato l'inglese "confident" in "confidente", che vuol dire nell'ordine:
  1. Persona amica a cui si apre il proprio animo
  2. Informatore delle forze dell'ordine
"Confident" invece si traduce con "fiducioso, sicuro di sé".

Quindi nell'accezione originale è corretto l'uso nel contesto, ma nella spaghetti-traduzione "sei confidente nel raggiungimento dell'obiettivo?" è qualcosa che fa un certo ribrezzo.

Che si sia affidato ai traduttori sottopagati e precari della rossa nazionale? :-)
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...