martedì 13 agosto 2013

Notizie e curiosità su Ubuntu Edge, a men di 10 giorni al termine

A chi assomiglia? ;-) 

Terzo post della serie su "Ubuntu Edge", il "super telefonino" (come qualcuno l'ha definito, anche se si tratta di molto di più) progettato da Canonical, che tenta di finanziarlo tramite la più ambiziosa campagna di "crowdfunding" della storia: 32 milioni di dollari! (Trovate qui il primo post e questo è il secondo).

Entra in campo il primo "Big" (e unico?)


Un paio di grosse novità nell'ultima settimana. La prima è la discesa in campo di Bloomberg L.P., il colosso del multimedia finanziario (15.000 dipendenti in tutto il mondo) del miliardario americano e sindaco di New York Michael Bloomberg, che ha acquistato il primo (e finora unico) lotto "Enterprise Bundle": 115 Ubuntu Edge per 80.000 dollari. Il prezzo unitario è circa lo stesso dell'acquisto singolo, ma insieme al pacchetto di telefoni, il "perk" (l'offerta) offre una serie di corsi e assistenza online per 30 giorni.

Decisamente una mossa a sorpresa: è il primo nome famoso che scommette su Edge, e sinceramente non ho idea di cosa possa aver fatto Mark Shuttleworth per convincere Bloomberg. Lo sapremo forse se la campagna avrà successo.

"Saldi" di fine stagione

Il giorno dopo l'acquisto del primo "bundle", è uscita la notizia dell'abbassamento del prezzo del singolo Ubuntu Edge a 695 dollari (circa 530 euro al cambio attuale), dagli iniziali 830 dollari, per tutti i prossimi che lo prenoteranno. A chi l'ha già acquistato a un prezzo superiore sarà proposto il rimborso. 

Il ribasso è stato reso possibile dall'enorme subbuglio provocato dalla campagna di crowdfunding, che ha permesso di rinegoziare i prezzi con i fornitori di componenti hardware, a loro volta molto interessati a partecipare al progetto.

Da quanto scritto sull'annuncio, il prezzo è definitivo, e non ci saranno ulteriori ribassi.  D'altronde, abbassare il prezzo unitario, ha significato anche alzare il numero dei telefonini da produrre, passando da circa 30.000 a più di 45.000.

Non ce la farà. Non ce la farà?

La campagna di Ubuntu Edge su Indiegogo ha superato i 9.800.000 dollari, cifra considerevole, ma ancora molto distante dall'obbiettivo finale. Mancano infatti più di 20.000.000 di dollari, e per avere successo si dovrebbero prenotare circa 3.500 Edge al giorno, cioè circa 150 all'ora. In questo momento siamo molto distanti da quei numeri, visto che si viaggia a una media di 20-30 Ubuntu Edge all'ora.

La linea blu segna quanto raccolto,
la linea rossa quanto si dovrebbe per 
raggiungere l'obiettivo :-(

Le novità della settimana scorsa, hanno subito esaurito l'iniziale entusiasmo tra i nuovi funder (finanziatori), e servirebbe una qualche altra trovata da Canonical, di quelle che fanno scalpore sui giornali, per smuovere altro danaro. Infatti la notizia sui giornali serve: è convinzione comune che, nonostante il successo dell'iniziativa, essa sia ancora sconosciuta a molti potenziali acquirenti. Convinzione che condivido in parte, molti non sanno di Ubuntu Edge, ma di questi quanti davvero prenderebbero un dispositivo simile?

Crowdfunding: qual è il record? 

Se l'obiettivo principale fallirà (come è probabile), in molti sperano che almeno si superi il record della campagna su Kickstarter di Peeble, lo smartwatch che può interagire con Android e iOS, che arrivò alla cifra astronomica 10.266.845,00.

Ma questo non è il record per il crowdfunding!

Secondo quanto scrive la versione inglese di Wikipedia, il record appartiene al progetto "Star Citizen", il nuovo videogioco spaziale di Chris Robert, già creatore di Wing Commander, uno dei videogiochi più famosi degli anni '90. Star Citizen finora ha raggiunto un finanziamento di 15 milioni di dollari, e punta a raggiungere i 17 (!).

La notizia del raggiungimento dei 15 milioni di dollari
sul sito di "Space Citizen"

A Ubuntu Edge resterebbe comunque l'obiettivo di superare la campagna di Peeble, un amaro premio di consolazione.

Qualche altra curiosità

Finite le notizie tristi, passiamo al pettegolezzo, che so essere una delle parti più apprezzate degli aggiornamenti settimanali.

Come succede quando il fenomeno diventa "comunitario", alcuni dei funder del progetto si sono fatti prendere dall'entusiasmo e hanno promosso una serie di iniziative volte a diffondere la campagna di crowdfunding, e cercare nuovi adepti alla setta del cerchio dell'amicizia.

Vi avevo già parlato di chi ha fatto un sito in cui raccoglie le statistiche della campagna, un altro di questi esaltati ;-) ha creato un tabellone comparativo tra Ubuntu Edge e la concorrenza, più completo di quello prodotto da Canonical.

La tabella comparativa completa

Altra iniziativa, un "thunderclap" organizzato per promuovere tutti nello stesso momento la campagna. Al primo ho partecipato anch'io (qui sotto il mio tweet).


Il prossimo thunderclap è previsto per il 19 agosto, e invito tutti a parteciparvi.

Un altro signore ha perso un po' di tempo per creare una bellissima infografica su Ubuntu Edge, che ne riepiloga le caratteristiche.


Infine un po' di humor, con qualche meme che comincia a girare. Una vignetta l'ho messa all'inizio di questo post, e una la metto in chiusura.


PS: mentre pubblico questo post, mi accorgo che Mark Shuttleworth in persona ha appena lasciato un messaggio su Indiegogo. In poche parole, ringrazia tutti i finanziatori, riepiloga quanto fatto, e invita chi crede nel progetto nel continuare a sostenerlo, in tutti i modi e il più possibile, l'obiettivo resta raggiungibile!  

... ne sarà davvero convinto?
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...