sabato 16 gennaio 2010

Pirateria: uno non fa in tempo

Uno non fa in tempo a fare una cosa seria, che viene superato sulla corsia di destra da uno che sullo stesso argomento fa una "grande cavolata".

Ieri sera ho pubblicato un post con qualche pensiero sulla "pirateria" delle opere multimediali. Ci ho messo una settimana per scrivere qualcosa di intelligente e serio. Ero soddisfatto del mio compitino, come uno scolaretto di prima elementare.
Mentre lo stavo pubblicando, mi arriva la notizia che il Governo ha varato un decreto legge che tassa tutti gli apparati multimediali dotati di memoria, dalla chiavetta USB in su: al telefonino, al decoder digitale terrestre (che tutti sono obbligati a comprare!), al lettore DVD con Hard Disk e ovviamente al computer.

Una legge sulle intenzioni

La legge è "sull'equo compenso", il compenso per artisti ed editori, che sono privati di soldi loro spettanti per le copie private dei CD e DVD regolarmente comprati.
In pratica, un finanziamento alla SIAE.
La cosa che fa arrabbiare, è che si parte dalla presunzione di colpevolezza di chi acquista: sicuramente lo userà per copiare opere protette da diritto d'autore. Presunzione falsa, visto che la memoria si può usare anche per registrare il filmino delle ferie. Su cui la SIAE non gode di nessun diritto. Su cui solo i parenti potrebbero aver qualcosa da dire (specie alla fine delle 4 ore di proiezione).

C'è poi un secondo aspetto: questa legge non scoraggerà la "pirateria casalinga". Chi fa copie di CD e DVD per gli amici, continuerà a farlo. Anzi. Travisando la legge, si sentirà ancora più giustificato del suo comportamento, pensando di aver già pagato "alla fonte" quanto dovuto in materia di diritto d'autore.

Chi può, aggirerà la tassa, andando a San Marino, Austria, Svizzera o est Europa per acquisti tecnologici.

Infine, c'è da considerare l'aspetto che il mercato della tecnologia sarà penalizzato, perché i venditori scaricheranno i costi della tassa sui consumatori, con conseguente aumento dei prezzi. Mi domando come questo possa favorire una ripresa dei consumi.

Link:

Articolo su Repubblica.it sulla nuova tassa
Mio post sulla pirateria
Posta un commento
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...